,

Alfa Romeo Giulia: un video promozionale presenta l’offerta di giugno

La berlina è acquistabile da 210 Euro al mese

Alfa Romeo Giulia
Alfa Romeo Giulia

Come riportato ad inizio mese, sino al prossimo 30 di giugno sarà possibile acquistare una nuova Alfa Romeo Giulia con trazione integrale Q4 e motore diesel da 180 CV a partire da 210 Euro al mese con 5 anni di manutenzione ordinaria inclusa nel prezzo. 

In queste ore, Alfa Romeo ha pubblicato sul suo canale ufficiale Youtube il video promozionale “Alfa Romeo Giulia – Equilibrio fra potenza e grazia” con cui quest’offerta, davvero interessante, viene promossa tramite i media nazionali ed il web. Potete dare un’occhiata a questo video qui di sotto:

In chiusura ricordiamo quali sono i dettagli della promozione valida sino a fine giugno. L’offerta riguarda una Giulia Super, con motore 2.2 turbodiesel da 180 CV abbinato al cambio automatico ad 8 rapporti ed alla trazione integrale Q4, acquistabile ad un prezzo promozionale di 40,600 Euro (IPT e contributo PFU esclusi) a fronte di permuta di una vettura con valore superiore ai 10 mila Euro. Aderendo al finanziamento Liberamente Alfa, sarà possibile acquistare la berlina con anticipo di 16,520 Euro e 48 rate mensili da 210 Euro. La Rata Finale Residua è pari a 19.410,20 Euro (da pagare solo se il Cliente intende tenere la vettura).

Sempre a giugno, in promozione troviamo anche l’Alfa Romeo Giulia Veloce con motore 2.2 turbodiesel da 210 CV, cambio automatico ad 8 rapporti e trazione integrale Q4 ed, inclusi nella dotazione, navigatore, cerchi in lega da 18’’ e fari Bixenon. Questa configurazione è disponibile con anticipo di 17830 Euro e 48 rate mensili da 210 Euro. In questo caso la rata finale sarà pari a di 21344,92 Euro.

Per tutti i dettagli sulle promozioni dedicate alla Giulia vi consigliamo di consultare il sito ufficiale Alfa Romeo o di recarvi in uno dei tanti punti vendita del brand.

Lascia un commento

Loading…

Alfa Romeo 4C

Alfa Romeo 4C conquista il Vincentric Award for Best Value 2017

FCA: un team di ricercatori USA pronto a confermare le accuse del caso dieselgate